Trend visivo di febbraio: i droni aprono nuove prospettive per il settore Stock

by Adobe Italia

Posted on 02-24-2017

Quest’anno due squadre hanno disputato il Super Bowl (o almeno così ci hanno detto), ma i nostri occhi erano puntati verso le centinaia di droni che illuminavano il cielo durante lo show di Lady Gaga nell’intervallo del match. Ultimamente, i droni aggiungono una nota spettacolare agli eventi sportivi statunitensi riprendendo l’azione da nuove angolazioni, come è accaduto nell’ultima edizione degli U.S. Open. Questi sono solo alcuni esempi di un trend ormai popolarissimo: ora che i droni si stanno diffondendo sempre più, le persone ne sperimentano le molteplici possibilità. Per noi l’aspetto più emozionante di questo fenomeno è l’eccezionale ventata di creatività che ha portato nel settore della fotografia aerea.

I droni permettono di vedere il mondo da un’angolazione che finora non era stato possibile esplorare. Avevamo visto le immagini satellitari o le foto zenitali scattate dagli elicotteri, ma i droni possono avvicinarsi di più al suolo e riescono quindi a catturare un maggior numero di dettagli. Potendo volare quasi dappertutto, permettono ai fotografi di immortalare panorami che non avrebbero mai scoperto arrampicandosi su ponti o edifici. Questa incredibile flessibilità era ciò che aveva sempre sognato Tobias Hägg, fotografo specializzato in fotografia aerea e collaboratore di Adobe Stock Premium, che ci ha raccontato: “Quando ero più giovane cercavo di immaginare come potesse essere il mondo visto dall’alto verso il basso”. Ora quella veduta dall’alto è al centro del suo lavoro.

Ci sono vari fattori importanti alla base del successo del trend della fotografia con il drone: il costo contenuto delle fotocamere per i droni, una eccellente tecnologia, l’interesse da parte del pubblico e degli artisti che cercano nuove idee a cui ispirarsi. Tutti questi sono aspetti molto apprezzati dai fotografi, che non vedono l’ora di provare a utilizzare i droni.

La richiesta di fotografie aeree è in crescita esponenziale

I fotografi sono spesso i primi ad adottare le nuove tecnologie e le vendite di fotocamere per i droni non fanno eccezione. Il periodo degli sconti quest’anno ha contribuito a incrementare le vendite di questo tipo di fotocamere del 108% rispetto all’anno precedente (fonte: Adobe Marketing Cloud). Di conseguenza, è facile prevedere che assisteremo al proliferare di nuovi stili e approcci innovativi nel settore della fotografia con il drone nel 2017.

Ai designer piace molto il trend dei droni e questo significa che le prospettive per il mercato della fotografia stock fanno ben sperare. Le ricerche relative alle foto scattate dai droni sono cresciute del 5% in Adobe Stock dall’inizio del 2015 ai primi mesi del 2017. Sulla base di trend analoghi che abbiamo analizzato in passato, prevediamo che l’interesse nei confronti dei droni e delle immagini scattate dai droni potrebbe aumentare addirittura del 14% nel 2017 (fonte: Adobe Stock).

I designer potrebbero essere attratti dalle fotografie aeree perché offrono immagini sorprendenti e attraenti. Ci sono quindi ottime opportunità per i fotografi di continuare a sondare le enormi potenzialità espressive di questa forma artistica. Secondo Ryan Longnecker, un collaboratore di Adobe Stock Premium specializzato in fotografia naturalistica e di viaggio, che utilizza i droni per il suo lavoro: “La fotografia aerea non è una novità assoluta, ma considerando la flessibilità e l’accessibilità di questa straordinaria apparecchiatura, bisognerà imparare a utilizzarla veramente bene e a sviluppare uno stile originale per restare all’avanguardia nel campo dell’innovazione. Per il suo costo contenuto, gli appassionati di fotografia faranno concorrenza ai professionisti e li costringeranno a fare progressi, sperimentare e osare con coraggio”.

La fotografia con il drone ha un forte impatto emotivo

Lo scorso anno le fotografie aeree più discusse sono state quelle che hanno catturato le nostre emozioni. Alcune immagini, come le vedute del mare di Ryan, ci hanno trasmesso una sensazione di calma che nasce dalla distanza prospettica. Altre immagini riprese dai droni ci hanno spezzato il cuore squarciando un velo sulla cruda realtà. La serie di immagini del fotografo di Città del Capo Johnny Miller, intitolata Unequal Scenes, ad esempio, ha mostrato le differenze tra ricchi e poveri in Sud Africa. Miller ha utilizzato dei droni per immortalare le differenze impressionanti e le divisioni fisiche che separano le esistenze dei ricchi e degli indigenti, mostrando come i confini tracciati dall’Apartheid segnino ancora oggi la vita delle persone.

La nostra analisi dei social media mette in risalto la potenza emotiva delle immagini aeree. Le persone hanno parlato spesso della fotografia con il drone sui social media nel corso dell’anno, con una frequenza lievemente maggiore in primavera e in autunno e, nel complesso, l’opinione del pubblico è stata positiva. Tuttavia, nel mese di giugno, quando “Unequal Scenes” è diventato un trend popolare, l’opinione è diventata decisamente negativa e si può supporre che le immagini abbiano lasciato un segno sugli spettatori, turbandoli profondamente (fonte: Adobe Social).

Naturalmente, come qualsiasi altra tecnica fotografica, non basta inquadrare e scattare per creare una immagine aerea emotivamente coinvolgente. Questo tipo di fotografie richiede un’attenta pianificazione. Per le sue immagini mozzafiato dell’Islanda, Tobias ha utilizzato innanzitutto Google Earth per studiare e pianificare le location e gli scatti, poi ha dovuto attendere che si creassero le giuste condizioni di luce e delle texture interessanti.

Secondo Ryan un bravo fotografo specializzato in fotografia aerea deve considerare anche le caratteristiche specifiche di questa forma artistica. “Molte fotografie aeree e/o scattate dai droni sono bidimensionali, quindi per creare delle immagini affascinanti bisogna immaginare che l’inquadratura sia come la tela di un pittore. Sapere qual è il soggetto della foto piuttosto che decidere un’angolazione aerea è un altro elemento che distingue gli appassionati dai professionisti, indipendentemente dal fatto che il soggetto siano una serie di righe ripetute, il lungo riflesso di un’ombra isolata o un monumento imponente”.

Quale sarà il futuro della fotografia con il drone?

La fotografia con il drone è ancora ai suoi albori e Ryan immagina molte possibilità di applicazione. “Penso alle immagini aree a 360° con vedute a volo d’uccello o a nuove configurazioni di droni resistenti alle intemperie che permetteranno di realizzare degli scatti magnifici e intensi delle condizioni atmosferiche”.

I droni sono anche un trend da guardare, quando riprendono missioni di ricerca e salvataggio ed esplorazioni di luoghi pericolosi, quindi sarà interessante vedere in che modo i fotografi potranno prendere parte a queste missioni per riprendere le immagini. Tra l’altro, come suggerisce il lavoro di Johnny Miller, la fotografia con il drone è anche uno strumento efficace per affrontare i problemi sociali. Ryan concorda su questo punto: “Mi auguro che le persone possano usare la fotografia e i video realizzati con il drone per puntare i riflettori e sottolineare la necessità di salvaguardare l’ambiente e li usino per sensibilizzare l’opinione pubblica sullo scioglimento delle calotte polari, l’erosione degli ambienti naturali, l’inquinamento, ecc. In pochi anni potrebbe nascere un movimento di attivismo ambientale aereo”.

Nelle prossime settimane dedicheremo articoli e riflessioni al tema della fotografia con il drone. Torna a trovarci perché analizzeremo più da vicino la valenza sociale e politica delle foto dai droni e daremo un’occhiata a quello che un designer è riuscito a creare partendo da un carrello della spesa pieno di foto fatte dal drone. Visita la nostra galleria di foto aeree per altre straordinarie vedute mozzafiato riprese dall’alto.

Topics: Creatività e design, Fotografia, fotografia di viaggio, tendenze, Creative EMEA

Products: Stock