Adobe Compie 35 Anni — E siamo solo all’Inizio

by Adobe Italia

Posted on 12-13-2017

Gli anni ‘80. MTV era il re della TV via cavo, la caduta del Muro di Berlino e l’invenzione del primo cuore artificiale vitale permanente. Il world wide web era ancora a 10 anni di distanza e i CD rivoluzionavano l’industria musicale e il modo in cui continuavamo ad archiviare i dati digitali. I capelli erano cotonati e la moda era fluorescente, ma non si può negare che l’innovazione fosse all’altezza.

Nel dicembre del 1982, John Warnock e Chuck Geschke unirono i loro talenti per avviare Adobe. Contribuirono a gettare le basi della rivoluzione dell’editoria desktop con Adobe PostScript, offrendo un modo nuovo e radicale di stampare con cura testo e immagini su carta. Da allora, Adobe ha continuato ad innovarsi per mantenere il suo posto in prima linea nelle comunicazioni e nelle esperienze digitali.

Per celebrare il nostro 35° anniversario, abbiamo chiesto ai co-fondatori di Adobe, John e Chuck e al CEO Shantanu Narayen, di condividere le loro opinioni su ciò che ha reso Adobe la società che è oggi, e sui loro piani per continuare a guidarla in un connubio di arte e scienza.

Chuck Geschke, Shantanu Narayen, and John Warnock.

Cosa ricordi dei primi tempi di Adobe come particolarmente significativo nello sviluppo della cultura aziendale?

Mentre stavamo cercando di prendere quel processo chimico molto meccanico e convertirlo in qualcosa di digitale, portai a casa campioni di mezzitoni e li mostrai a mio padre. Disse, “Hmm, lascia che lo guardi con la mia lente”, perché gli incisori avevano sempre delle lenti. Disse, “Sai, Charles, non sembra molto bello.” Ora, quando mio padre diceva “Charles”, era perché aveva una cattiva notizia.

Circa sei mesi dopo, gli portai a casa qualcosa che sapevo essere perfetto. Tutte le rosette erano perfette. Era un mezzotono stupendo. Lo mostrai a mio padre e lui tirò fuori la sua lente e lo guardò, e sorridendo mi disse, “Charlie, finalmente ce l’hai fatta.” E, per me, quello fu probabilmente uno dei più grandi momenti della mia carriera fino ad allora. Penso che abbia contribuito a definire lo standard per la qualità dei prodotti che volevamo immettere sul mercato.

In che modo Adobe ha portato avanti questa eredità di innovazione ed ha introdotto innovazioni in stampa, illustrazione, imaging, web e video? Come hai coltivato questa cultura internamente?

Chuck: Quando John e io abbiamo dato vita ad Adobe, volevamo creare un’azienda in cui ci piacesse lavorare. Il nostro principio fondamentale era quello di trattare le persone nel modo in cui noi vorremmo essere trattati. Dato che John e io abbiamo lavorato per diverse società e organizzazioni prima di avviare Adobe, abbiamo cercato di prendere in prestito da coloro che avevano funzionato bene e farne parte del tessuto, della filosofia e dei valori fondamentali di questa azienda.

John: L’innovazione non è qualcosa che progetti. Invece, devi costruire un ambiente che la promuova. Devi avere un libero scambio di idee. Devi premiare le persone per le loro nuove idee e perché trasformano le loro idee in realtà. Quindi, non è come dire: “Avremo quattro nuove idee quest’anno”. Devi creare un ambiente dove questo avvenga in modo naturale, attraverso lo spirito creativo dei dipendenti.

Inoltre, non puoi avere un atteggiamento “pressante”. Devi avere un atteggiamento di guida. Se vedi qualcosa nel mondo che pensi di poter fare meglio, fallo.

La tecnologia è in continua evoluzione, ma Adobe è riuscita a rimanere rilevante. Quali sono alcuni dei modi in cui hai aiutato la società a continuare ad adattarsi – e persino a portare avanti – a cambiare?

Shantanu: Indipendentemente dai cambiamenti tecnologici, la missione dell’azienda è rimasta la stessa: cambiare il mondo attraverso le esperienze digitali. Si tratta di riconoscere ciò di cui i nostri clienti hanno bisogno e di non aver paura di cambiare perché – alla fine della giornata – preservare lo status quo non è una strategia aziendale.

Gran parte di ciò che motiva le persone in azienda è l’impatto che abbiamo. Non c’è un posto nel mondo in cui qualcuno non sia influenzato dalla portata dei nostri prodotti e dal lavoro che svolgiamo. Immagina di essere su un aereo e la persona seduta accanto a te dice “Il PDF è il modo in cui condivido tutte le mie informazioni” o “Photoshop mi ha aiutato a sviluppare la creatività”.

È quello che ci guida. Essere rilevanti è importante, ma penso che avere un impatto sia molto più significativo.

Alcuni dei più grandi cambiamenti di Adobe sono arrivati ​​negli ultimi anni con il passaggio al cloud. Quali opportunità vedi in futuro?

Shantanu: Adobe è da sempre in prima linea nella creazione di mercati. Che tu sia un educatore, un’impresa che cerca di trasmettere il messaggio ai clienti o un singolo libero professionista, vogliamo aiutarti a raccontare la tua storia. Con Creative Cloud, vogliamo consentire a più persone di creare e realizzare la loro visione ad un ritmo più veloce. In Document Cloud, vediamo che il foglio-in digitale è un movimento che continuerà. PDF come piattaforma sui dispositivi mobili ha preso piede e ora abbiamo una grande soluzione per le firme digitali.

In molti modi, Experience Cloud è per noi la più grande nuova opportunità. Ogni singola azienda sul pianeta sta pensando se il digitale sarà un vantaggio o se sarà un ostacolo. Quando si pensa alla trasformazione, ogni azienda afferma: “Come faccio a mettere l’esperienza del cliente al primo posto e al centro?” Pensiamo che Experience Cloud possa espandere notevolmente le aspirazioni che abbiamo per aiutare la trasformazione delle aziende. Mettiamo tutto questo insieme e pensiamo che l’opportunità per Adobe sia immensa.

Cosa vedi cha sta per accadere con le esperienze digitali? Dacci uno sguardo sull’innovazione futura.

Shantanu: Viviamo in un momento incredibile. Arte e scienza e uomini e macchine si uniscono per alimentare la crescita e le opportunità. Potresti chiamarlo Rinascimento del 21° secolo. In questa nuova era vogliamo consentire alle persone di creare in modi che non sono mai stati possibili prima e trasformare il modo in cui le aziende competono.

Dal punto di vista della creazione, il consumo e la consegna dei media digitali sono esplosi, e non solo su un computer. Ora, le esperienze di realtà aumentata e virtuale appaiono in 3D, fluttuando davanti a te. Saremo all’avanguardia con strumenti per supportare la creazione di contenuti per nuovi dispositivi e forme di pubblicazione non appena emergeranno. Ci sono sviluppi interessanti nella voce, nel tocco e nuovi mezzi di collaborazione che ci consentiranno di creare quando e dove vogliamo – e in un modo molto più naturale.

E vediamo l’intelligenza artificiale – cosa stiamo facendo con Adobe Sensei – come partner creativo per affrontare le attività che richiedono tempo e che ostacolano la visione creativa. Ammettiamolo – nessuno vuole mai perdere tre ore per fare qualcosa se può farlo in tre secondi.

Dal desktop al web ai dispositivi mobili e oltre, gli ultimi 35 anni hanno visto importanti progressi nel campo dell’editoria e le innovazioni di Adobe continuano a portare avanti questo processo.

Oltre a generare benefici per i singoli creatori, come pensi che queste tendenze si svilupperanno nel mondo degli affari?

Shantanu: Stiamo assistendo ad un cambiamento epocale nel modo in cui i consumatori interagiscono con le aziende. Vogliono acquistare esperienze, non soltanto prodotti. Vogliono interazioni personali. E i nostri clienti si affidano a noi per essere aiutati a fare questo cambiamento. Abbiamo tutti gli strumenti per aiutare le aziende a competere per i cuori e le menti dei loro clienti in ogni interazione. Stiamo architettando la prossima generazione di software aziendali e integrando l’intelligenza artificiale nei nostri prodotti con Adobe Sensei per aprire la strada all’azione.

Negli ultimi 35 anni, perché pensi che Adobe abbia avuto successo?

John: Una delle grandi cose di Adobe è che arriviamo a realizzare la nostra missione per cambiare il mondo. Abbiamo prodotti che ispirano persone in tutto il mondo e guidano la creatività, l’arte, l’immaginazione, la scienza e l’innovazione. Quando unisci tutti questi elementi, cambi il modo in cui le persone comunicano tra loro. Essere parte di questo, indipendentemente dal ruolo, e farlo in un modo divertente, rende la vita fantastica e l’innovazione facile.

Chuck: Quando le aziende considerano il futuro, potrebbero pensare alla quantità di scorte che trasportano, alla capacità produttiva che hanno e al numero di punti vendita che occupano in tutto il paese o in tutto il mondo. In Adobe, ciò che conta in questa azienda sono le persone che ci lavorano. Lavorano insieme come una squadra per assicurarsi che produciamo i prodotti che rendono il futuro reale. E questo è il più grande vantaggio che abbiamo – le persone.

Shantanu: Siamo anche stati fortunati a servire e collaborare con così tanti clienti incredibili. I nostri clienti hanno sempre spinto i limiti per ciò che è possibile e ci hanno ispirato a fare lo stesso. Il successo dei nostri clienti è stato davvero il nostro successo.

Topics: Creatività e design, Adobe, Creatività, Creative EMEA

Products: