Le Sneaks di Adobe MAX mostrano come l’intelligenza artificiale migliorerà la creatività del futuro

Ogni anno le Sneaks sono l’evento imperdibile di Adobe MAX, il più atteso dagli appassionati. Durante la sessione Sneaks, Adobe ha presentato tecnologie innovative di ultima generazione che potranno diventare parte integrante dei prodotti dell’azienda. Le Sneaks di questa edizione hanno evidenziato come l’AI offra possibilità creative a coloro che desiderano sviluppare ambienti 3D immersivi, creare video animati per i social media o creare progetti per ambienti del mondo reale.

L’attore, comico e imprenditore Kevin Hart, co-presentatore delle Sneaks, ha svelato le ultime innovazioni insieme agli ingegneri e ricercatori scientifici di Adobe. Di seguito potete trovare un breve riepilogo di tutti gli highlight. Scopriteli qui e fateci sapere cosa ne pensate twittando sul nostro canale Twitter Adobe MAX.

A questo link, è possibile trovare la Sneaks session completa.

Project Clever Composites

Vi è mai capitato di visitare la Tour Eiffel e dimenticare di scattare la classica foto davanti al magnifico monumento simbolo di Parigi? Grazie alla nuovissima funzionalità Project Clever Composites sarà possibile scattare foto da sogno perché questo Sneak consente di aggiungere facilmente la propria immagine a ogni sfondo.

Combinare le immagini su uno sfondo è un’attività comune in tutti i software di editing di immagini, ma estrapolare un oggetto da un’immagine per sovrapporlo a uno sfondo può risultare un procedimento lungo e complesso. Solitamente sono necessarie diverse attività manuali, come selezionare l’immagine giusta, ritagliare accuratamente l’oggetto desiderato e modificare manualmente il colore, il tono e le dimensioni dell’oggetto.

Project Clever Composites utilizza l’intelligenza artificiale e l’automazione per trasformare questo noioso procedimento in una semplice operazione di copia-incolla. Ora, con pochi clic è possibile realizzare un’immagine composita realistica. L’AI permette di identificare facilmente e velocemente un oggetto adatto da aggiungere a un’immagine di sfondo, nonché di ritagliarlo automaticamente e modificarne il colore e la dimensione in funzione del background, per poi generare le ombre giuste in base alla luce di fondo.

Presenta: Zhifei Zhang è ingegnere ricercatore presso Adobe e si occupa di editing, combinazione e rappresentazione di immagini.

Project Instant Add

Durante la creazione di un video vi è mai capitato di accorgervi in post-produzione di aver dimenticato di aggiungere un logo o dover apportare modifiche last-minute?

Project Instant Add utilizza l’intelligenza artificiale e il machine learning per semplificare l’editing dei video e l’aggiunta di effetti VFX in post-produzione, procedimenti che sono solitamente complessi e richiedono molto tempo. Questa innovazione consente a chiunque di modificare contenuti video nello stesso modo in cui si modificano le immagini. L’utente deve solo scegliere l’elemento del video su cui mappare il testo o la grafica e l’AI si occuperà del resto, mappando automaticamente la grafica sull’elemento selezionato.

Project Magnetic Type

Nei progetti di graphic design spesso è necessario combinare forme e testo. Ma questo processo può presentare delle difficoltà durante la fase di editing, specialmente quando le forme associate al testo non sono più allineate. La correzione di questo problema richiede una lunga e faticosa attività di riposizionamento e allineamento, anche ai designer più esperti.

Grazie a Project Magnetic Type, chiunque può applicare e unificare immediatamente qualsiasi forma, anche una calligrafia a mano, con un testo live digitale. La tecnologia AI di Adobe consente di unire in modo fluido forme e testo senza snaturarne l’estetica originale o renderlo non editabile. Questa tecnologia utilizza modelli di rilevamento degli oggetti per estrarre in modo semplice gli svolazzi di qualsiasi immagine calligrafica, che possono poi essere applicati a tutti carattere live per conferirgli uno stile simile. Consente di incollare o rimuovere in modo flessibile forme e oggetti e offre ai designer la possibilità di ampliare la propria creatività per lo sviluppo di contenuti testuali che includono loghi o inserzioni.

Presenta: Arushi Jain è Computer Scientist presso Adobe con una grande passione per le funzionalità legate alla tipografia, in particolare per font, glifi e snap sui vettori.

Project Vector Edge

Durante la creazione di progetti grafici, spesso i designer hanno difficoltà a visualizzare come appariranno gli asset nella realtà, per esempio su cartelloni pubblicitari, t-shirt o tazze.

Project Vector Edge fornisce ai designer e ai loro team la possibilità di visualizzare, modificare e collaborare su grafiche 2D in ambienti 3D durante la progettazione. Sfruttando l’AI e le tecnologie di proiezione grafica dei vettori, questo progetto proietta automaticamente asset di design 2D su superfici in ambienti 3D, in scala reale e in alta risoluzione, così i designer e gli stakeholder possono visualizzare come appariranno gli asset nel mondo reale.

Presenta: Ankit Phogat è Senior Computer Scientist in Adobe, dove si occupa di tecnologie come Freeform Gradients, Puppet Warp e 3D.

Project Motion Mix

Avete mai desiderato di creare video coinvolgenti e accattivanti mentre ballate, così da produrre il prossimo contenuto virale sui social media? Project Motion Mix consente ai creatori di realizzare animazioni umane in loop di alta qualità, caratterizzate da movimenti realistici, il tutto da un’immagine fissa.

Solitamente generare animazioni umane in loop per video richiede molto tempo e impegno, perché i creatori di video devono catturare ogni singolo movimento prima di poterlo aggiungere all’animazione. Questo processo può rivelarsi inoltre particolarmente ostico quando si cerca di replicare i movimenti di un ballerino professionista. Project Motion Mix lo fa automaticamente, utilizzando tecnologie di rendering umano e generazione di movimento basate sull’intelligenza artificiale per creare movimenti realistici in 3D di alta qualità per il soggetto del video. I creator possono anche modificare lo sfondo del video, aggiungendo per esempio un amico che partecipa all’animazione.

Presenta: Jae Shin Yoon research scientist presso Adobe. I suoi interessi di ricerca riguardano la risoluzione del problema della ricostruzione e generalizzazione di alta qualità di avatar umani digitalizzati nel dominio temporale mediante modellazione, rendering e adattamento degli avatar da una singola fotocamera con nozioni di grafica, visione artificiale e machine learning.

Project Blink

Avete mai desiderato di poter trovare velocemente all’interno di un video le parti migliori o creare un video clip più condivisibile?

Project Blink, un nuovo strumento di editing video che utilizza l’AI per aiutare gli utenti a trovare ed estrapolare rapidamente gli elementi salienti da un video, è la soluzione che fa per voi. Con Project Blink modificare video è facile come effettuare l'editing di un testo. Per creare clip, gli utenti devono semplicemente cercare termini, oggetti, suoni o persino attività specifiche presenti nel video, poi selezionare la porzione di trascrizione che desiderano utilizzare. Il sistema di intelligenza artificiale di Adobe trasforma quella sezione di video in una nuova clip.

Project Blink è ora disponibile in versione beta. Se volete provare oggi stesso questa tecnologia, registratevi per ottenere l'accesso alla versione beta qui.

Presenta: Mira Dontcheva è principal scientist and research manager presso Adobe e conduce gli studi sull’interazione uomo-computer (HCI). La sua attività di ricerca è incentrata sulla realizzazione di nuovi strumenti che semplifichino l'attività creativa, rendendola più divertente e accessibile a un pubblico più vasto.

Project Artistic Scenes

Il metaverso ha aperto un nuovo mondo di possibilità per coloro che desiderano sviluppare contenuti 3D e immersivi. La creazione di contenuti artistici in 3D spesso richiede molto tempo e una competenza specifica.

Project Artistic Scenes utilizza l’AI per trasformare automaticamente le scene in 3D impiegando stili grafici 2D. Con Project Artistic Scenes, i creator possono dare vita, rapidamente, a contenuti 3D stilizzati di alta qualità, che sono fondamentali per il futuro delle experience di realtà virtuale e aumentata. A differenza delle tecniche di stile tradizionali, che trasformano solo le immagini 2D, l'approccio di Adobe trasforma l’intera scena 3D, consentendone il rendering in qualsiasi stile artistico. Immaginate per esempio un parco giochi realizzato come un acquerello, con dettagli di stile realistici come le pennellate, per creare un’esperienza artistica in 3D pienamente immersiva.

Presenta: Sai Bi è research scientist presso Adobe. La sua attività di ricerca è incentrata sulla grafica digitale e sulla visione artificiale, come l’acquisizione della realtà, la ricostruzione 3D e il rendering inverso e neurale.

Project All of Me

Se ritagliare le immagini per ridimensionarle può essere semplice, fare il contrario, ovvero espanderle per creare immagini più grandi può essere complicato o risultare addirittura impossibile.

Con Project All of Me, chiunque - dallo stilista che vuole aggiornare i modelli del proprio sito aggiungendo nuovi capi di abbigliamento allo studente che deve realizzare un volantino per un evento scolastico — può creare nuovi contenuti e immagini più grandi con solo qualche clic. Questo intelligente editor di ritratti sfrutta l’AI per generare componenti di foto non ritagliate ed eliminare le distrazioni; può persino fornire consigli e modificare l’outfit del soggetto della foto.

Presenta: Qing Liu è research engineer and scientist presso Adobe, dove si occupa di comprensione e generazione di immagini basate sul deep learning.

Project Beyond the Seen

Avete mai desiderato di creare esperienze immersive a 360° partendo da immagini in 2D? Potreste rivivere una vacanza di famiglia o sviluppare un nuovo mondo per il metaverso.

Spingendo i limiti della realtà virtuale immersiva, Project Beyond the Seen vi offre questa possibilità, utilizzando l’AI di Adobe per generare facilmente panorami a 360° da una singola immagine. I metodi di stima della profondità consentono agli utenti di estendere un’immagine panoramica, creando ambienti 3D realistici e completamente immersivi. L’AI è in grado di generare contenuti dietro, sopra, sotto e ai lati di un’immagine; quindi l’utente può aggiungere oggetti in modo semplice e veloce, inclusi riflessi generati artificialmente e molto altro.

Presenta: Yannick Hold-Geoffroy senior engineer & research scientist presso Adobe. Ha pubblicato oltre 40 articoli scientifici e brevetti nel campo dell’analisi dell’immagine e della ricostruzione 3D, contribuendo in particolare alla funzione Match Image di Adobe Stager e all'infrastruttura alla base dei Filtri neurali di Photoshop.

Project Beyond the Seen

Modificare le ombre e le loro interazioni con le forme utilizzando i software tradizionali di editing delle immagini è difficile e richiede molto tempo. Project Made in the Shade sfrutta l’AI per rendere l’editing delle immagini 3D facile e intuitivo, senza che l’aggiunta delle ombre richieda il possesso di conoscenze e competenze particolari. La tecnologia AI di Adobe riconosce la profondità, la luce e altri aspetti di una scena, consentendo all’utente di spostare una persona o un oggetto all’interno di una foto proiettando ombre realistiche. Ora chiunque — chi alle prime armi o professionisti — può spostare facilmente oggetti o persone con ombre all’interno delle foto. È quindi una tecnologia particolarmente utile per comporre immagini 3D e realizzare grafica animata tridimensionale.

Presenta: Vojtěch Krs è research engineer presso Adobe. I suoi principali ambiti di ricerca e ingegneria sono gli strumenti creativi, l’imaging digitale e la grafica 3D in tempo reale. Adora programmare e creare la propria arte digitale.

https://blog.adobe.com/it/publish/2021/06/22/premiere-pro-si-aggiorna-per-creator-di-oggi

https://blog.adobe.com/it/publish/2021/07/20/trascrizione-vocale-inclusa-abbonamento-supporto-nativo-mac-m1-disponibili-premiere-pro#gs.ohmpxv

https://blog.adobe.com/it/publish/2021/10/15/adobe-photoshop-elements-2022-premiere-elements-2022#gs.ohmp8j